Regione Veneto

Hanno descritto Portogruaro...

Ultima modifica 18 ottobre 2016

Alcuni scrittori famosi in loro racconti o nelle loro poesie, hanno descritto Portogruaro, le sue bellezze, le sue caratteristiche. Fra questi:

  • Ippolito Nievo
  • Carlo Sgorlon
  • Pier Paolo Pasolini

hanno scritto ancora su Portogruaro:

  • Adelia Bon
  • Luisa Scrizzi Guerrini
  • Girolamo Zambaldi

 

Portogruaro è stata descritta così da Ippolito. Nievo nelle “Confessioni di un Italiano”: 

“Portogruaro non era l’ultima fra quelle piccole città di terraferma, nelle quali il tipo della Serenissima dominante era copiato e ricalcato con ogni possibile fedeltà. Le case grandi, spaziose, col triplice finestrone nel mezzo, s’allineavano ai due lati delle contrade, in maniera che soltanto l’acqua mancava per completare la somiglianza con Venezia” 

…Leni alati a bizzeffe sopra tutti gli edifici pubblici; donnicciuole e barcaioli in perpetuo cicaleccio per le calli e presso ai fruttivendoli; belle fanciulle al balcone dietro a gabbie di canarini o vasi di garofani e di basilico; su e giù per la podesteria e per la piazza toghe nere d’avvocati, lunghe code di nodali, e riveritissime zimarre di patrizi… 

...Nel canale del Lemene puzzo d’acqua salsa, bestemmiar di paroni, e continuo rimescolarsi di burchi, d’ancore e di gomene; scampanio perpetuo delle chiese, e gran pompa di funzioni e di salmodie; madonnine di stucco con fiori festoni e festoncini ad ogni cantone; mamme bigotte inginocchiate col rosario; bionde figliuole occupate cogli amorosi dietro le porte; abati cogli occhi nelle fibbie delle scarpe e il tabarrino raccolto pudicamente sul ventre: nulla nulla insomma mancava a render somigliante al quadro la miniatura…. 

…Scesimo insieme in giardino e sulla terrazza, dove le belle fronde già ingiallite delle viti ombreggiavano il riposo vespertino della compagnia. Il chiacchierio languiva nella calma solenne del tramonto; le acque del Lemene romoreggiavano al basso, verdastre e vorticose; un suono di campane lontano e melanconico veniva per l’aria come l’ultima parola del giorno morente, e il cielo s’infiamma ad occidente cogli splendidi colori dell’autunno… 

…Sullo sterrato dinanzi ai mulini era un continuo avvicendarsi di sacchi, e di figure infarinate. Vi capitavano le comari di molti paesetti delle vicinanze e chiacchieravano colle donne dei mulini mentre si macinava loro il grano. In quel frattempo gli asinelli liberati dalla soma gustavano ghiottamente la semola che loro si imbandisce per regalo nelle gite al mulino; finito che avevano si mettevano a ragghiare d’allegria, distendendo le orecchie e le gambe; il cane del mugnaio abbaiava e correva loro intorno facendo mille finte di assalto e di schermo… 


Portogruaro è stata descritta così da Carlo Sgorlon: 

“ E oramai siamo giunti a Portogruaro, la regina del Lemene, che le scorre in mezzo, la divide e ne determina il carattere e la struttura. In essa si respira chiaramente un’aria veneta, se non proprio del tutto veneziana. La città ha un aspetto medievale in molte vecchie case del Trecento … 


Portogruaro è stata descritta così da Adelia Bon: 

Che vivar benedeto in sto paese 
Che ga par stema un campanil, do gru, 
Senza fassade do dele so Ciese 
E un Municipio ch’el xe là un bisù. 

Che vivar benedeto in questo sito 
Lontan do ore da la capital 
Col Lemene che core storto e drito 
Senza premura e senza farne mal. 


Portogruaro è stata descritta così da Luisa Scrizzi Guerrini: 

Dopo ani so’ tornada 
e co’ oci de turista
a go tuta ritrovada, 
cussì bela mai go vista. 
E tra tanta melodia 
dei palassi za famosi, 
ghe xe tuta l’armonia 
dei so porteghi pressiosi. 
Muniçipio e Liston 
co’ piaçer go ritrovà 
e çercando…i tre lampion, 
quel oror go riprovà; 
parchè anca mi ghe gero, 
se pol più desmentegar 
quel passato, triste, nero, 
che no deve più tornar. 
Muniçipio, el zogelo, 
i canali, pescheria, 
i mulini, el museo, 
storia xe e poesia. 
Fin i sassi che se pesta
i xe degni d’atenzion 
che vardarli xe na festa 
col scoprirne l’espression. 
Sta Cità go ritrovà 
dopo tanto xe la stessa , 
tuto ben xe conservà 
tuto parla de belessa. 
Luisa Scrizzi Guerrini, (La Vogia de Scriver, Venezia 1997) 


Portogruaro è stata descritta così da Girolamo Zambaldi 

Trocoloto el gera prima 
questo nostro campaniel, 
mentre adesso la so cima 
la se slanza drita al ciel. 
Girolamo Zambaldi (1828-1904) 


Portogruaro è stata descritta così da Pier Paolo Pasolini: 

El cuòr su l’acqua 

Xe Domenega! Mi son so’o 
In una barcheta sul Lèmene. 
El Burin el xe de ve’udo. 

Tuti i fa festa e mi so’o 
Meso nuo nel cuòr del Lèmene 
Scaldo i me strassi al sol de ve’udo. 

No gò un scheo, son paron so’o 
Dei me cavei de oro sul Lèmene 
Pien de pissigoe de ve’udo. 

El xe pien de vizi el me cuòr so’o.