Regione Veneto

Hanno scritto ancora su Portogruaro

Ultima modifica 19 settembre 2018

Hanno scrittoancora su Portogruaro:

  • Adelia Bon
  • Luisa Scrizzi Guerrini

 

Portogruaro è stata descritta così da Adelia Bon:
Che vivar benedeto in sto paese 
Che ga par stema un campanil, do gru, 
Senza fassade do dele so Ciese 
E un Municipio ch’el xe là un bisù. 

Che vivar benedeto in questo sito 
Lontan do ore da la capital 
Col Lemene che core storto e drito 
Senza premura e senza farne mal. 


Portogruaro è stata descritta così da Luisa Scrizzi Guerrini: 
Dopo ani so’ tornada 
e co’ oci de turista
a go tuta ritrovada, 
cussì bela mai go vista. 
E tra tanta melodia 
dei palassi za famosi, 
ghe xe tuta l’armonia 
dei so porteghi pressiosi. 
Muniçipio e Liston 
co’ piaçer go ritrovà 
e çercando…i tre lampion, 
quel oror go riprovà; 
parchè anca mi ghe gero, 
se pol più desmentegar 
quel passato, triste, nero, 
che no deve più tornar. 
Muniçipio, el zogelo, 
i canali, pescheria, 
i mulini, el museo, 
storia xe e poesia. 
Fin i sassi che se pesta
i xe degni d’atenzion 
che vardarli xe na festa 
col scoprirne l’espression. 
Sta Cità go ritrovà 
dopo tanto xe la stessa , 
tuto ben xe conservà 
tuto parla de belessa. 
Luisa Scrizzi Guerrini, (La Vogia de Scriver, Venezia 1997)